ian  james  stewart 

By Metallized (Italian)

Già chitarrista del combo scozzese Strangeways, autori di un buon AOR, Ian James Stewart ha realizzato alcune prove soliste per dare sfogo alla propria creatività senza muri o castrazioni. Questo Junk Dna è la sua nuova fatica atta a testimoniare produttività e varietà di influenze e gusti. 13 tracce, che spaziano in ambiti musicali disparati, tutti trattati con una maturità notevole e con derive nitide in chiave pop, ambient, new age, rock e soft jazz. Insomma è meglio chiarirlo subito, questa è una release inclassificabile come genere, non adatta al classico rocker che vuole chitarre a manetta, urla titaniche e batterie tuonanti, qui serve una mente aperta per apprezzare gli sforzi del nostro.

Read more: Metallized Review

By Brian Sidler (Former Music Writer for Chicago Music Magazine)

If you trust my ears, which I hope you do by now, I’m telling you this album stands up to the toughest scrutiny. It deserves your undivided attention. It deserves your money. I have dropped the frikken needle on this puppy several times and I’m still not bored yet. Usually, I’ll get bored (even if I like it) after about the fourth spin and most often I can’t get through an album without skipping the next tune in line after 15 seconds into any particular cut. Not this time.

So here’s why I love this platter.

Read More..

modgecacophony.com